Porte a battente

Home - Sistemi di apertura - Porte a battente

Le collezioni di porte per interni Bertolotto sono disponibili nella tipologia a battente. Si tratta di prodotti certificati, realizzati con le migliori materie prime e lavorati con un mix perfetto di artigianalità, design e innovazione.

Il sistema di apertura classico per porte versatili

C’è un motivo per cui ogni tipologia di porta è realizzata nella modalità di apertura a battente: perché è facile e pratica da utilizzare, perché è economica e resistente e adatta a quasi tutte le tipologie di ambienti che non hanno problemi di spazio.

Le principali caratteristiche delle porte a battente

Quali elementi distinguono una moderna porta a battente?
  • si basa su un meccanismo di movimentazione tradizionale, ormai collaudato e sicuro. Risulta quindi una scelta affidabile che non teme errori, sempre se prima si calcolano bene gli ingombri di apertura dell’anta;
  • strutturalmente l’anta viene fissata con delle cerniere lungo uno dei due lati lunghi e per aprirsi il pannello compie una rotazione superiore a 90 gradi sul proprio asse verticale. È necessario in fase progettuale prevedere quest’ingombro all’interno della stanza, al fine di organizzare bene lo spazio;
  • può essere realizzata in qualsiasi materiale, dal legno in essenza al laccato, dal laminato al vetro e può assumere qualsiasi decorazione o finitura: liscia o bugnata, incisa, lucida o opaca, presentando o meno le mostrine e le cornici (in quest’ultimo caso siamo in presenza di una porta filomuro). Inoltre, può essere ad una o a due ante, di dimensioni standard o fuori misura. Il grado di personalizzazione è quindi molto alto;
  • è economica se paragonata ad un'altra tipologia di apertura (scorrevole, a libro, a bilico, ecc.);
  • è disponibile anche nella versione bidirezionale. Le nostre porte bidirezionali montano cerniere a pivot che consentono l’apertura da entrambe le direzioni. L’anta può dunque aprirsi a spingere o a tirare, consentendo la flessibilità d’uso. La serratura magnetica completa il kit in dotazione, per assicurare design essenziale e alta funzionalità.

Tipologia apertura

Trova il negozio di Porte a battente più vicino a te

Visualizza punti vendita

Quali vantaggi offrono nella progettazione

Le porte a battente sono molto versatili ecco perché sono così tanto ricercate. Vediamo che vantaggi apportano nella progettazione:

  • i nuovi modelli offrono cerniere a scomparsa e serratura magnetica, due plus che mettono in risalto l’estetica del serramento che risulta così minimale e moderno;
  • i modelli a filomuro non presentando stipiti e cornici, sono ideali quando si vuol mimetizzare l’anta sulla superficie della parete;
  • presentano dimensioni standard in larghezza e altezza, adattabili ad ogni ambiente (nuovo o da ristrutturare) e sono disponibili anche in versioni fuori misura, anche a tutt’altezza;
  • quando si necessita di un maggior abbattimento acustico tra una stanza e un’altra è possibile scegliere modelli insonorizzati, caratterizzati da un riempimento afonico (fonoassorbente) realizzato in fibra di legno, che assicura un alto comfort acustico. Si tratta di una soluzione optional disponibile in molti dei nostri cataloghi;
  • in base allo spazio a disposizione possono essere scelte con apertura a spingere (la più comoda) o a tirare, dal lato destro o sinistro, per ottimizzare la funzionalità delle stanze;
  • hanno un prezzo vantaggioso, al di là del materiale impiegato. Ad esempio una porta a battente in laminato bianco ha un costo d’acquisto imbattibile e assicura un ottimo rapporto qualità/prezzo;
  • semplicità di posa in opera, un altro fattore che abbatte i costi di montaggio;
  • alto livello di personalizzazione: la porta rappresenta un elemento d’arredo e con i suoi elementi aiuta a definire lo stile della casa. La scelta delle maniglie e della ferramenta, nonché del tipo di cornice, la possibilità di coordinare forma e finitura del battiscopa, l’ampia gamma di colori e materiali, dà modo di realizzare anche i progetti d’arredo più ambiziosi.

Richiedi informazioni

Qualche consiglio utile per la scelta

Perché scegliere per la propria casa porte scorrevoli in vetro? I vantaggi sono minimo due. Il primo è quello di eliminare qualsiasi problema di spazio all'interno dei locali, in quanto la porta si apre senza ingombrare spazio nella stanza, permettendo passaggi continui e naturali. Il secondo è la possibilità di godere di ante trasparenti o comunque attraversabili dalla luce, capaci di migliorare l'illuminazione degli ambienti. Le soluzioni a scomparsa poi, scorrendo all'interno del muro, lasciano completamente libera la parete per un effetto visivo di massima pulizia.

Una volta individuati i vantaggi delle porte a battente, è necessario pensare al design e all’estetica, in modo da coordinare lo stile dell’anta quello della casa.
Come sceglierle? Questi i nostri consigli:

  • materiale: legno in primi e poi vetro, senza dimenticare il design moderno del metallo. Sicuramente una struttura in legno è solida, durevole, soprattutto se realizzata in massello o in legno listellare, più leggera è invece quella in tamburato. Il cristallo lascia entrare la luce, arreda e dona trasparenza agli ambienti. Si tratta di un materiale sicuro e resistente perché temperato, abbinabile al metallo o al legno, in base allo stile della casa. E a proposito di metallo, generalmente alluminio, lo ritroviamo sottile e leggero nei telai strutturali delle ante vetrate. Non dobbiamo poi sottovalutare il potere decorativo del laminato e delle finiture sintetiche, in grado di emulare alla perfezione l’aspetto di altri materiali naturali;
  • finitura: il fattore che più di altri detta d’estetica dell’infisso. Per il legno possiamo individuare: soluzioni in essenza, dove ben visibili sono le tonalità cromatiche naturali del legno, assieme alle venature e ai nodi più o meno marcati; superfici laccate, lucide, opache o a poro aperto, in una vasta gamma di colori; e infine possiamo optare per l’anta liscia (più moderna ed essenziale), pantografata o bugnata (più elaborata e tridimensionale). Anche per il vetro abbiamo più opzioni: trasparente, satinato, opaco, fumé, sabbiato, retrolaccato e colorato, decorato;
  • dettagli: maniglie e coprifilo soprattutto. Le prime possono seguire il design dell’anta o giocare a contrasto. Realizzate essenzialmente in ottone, possono assumere linee asciutte e stilizzate, come pure profili sinuosi e classici, l’importante è seguire principi ergonomici oltre che estetici durante la scelta. Ampia è la gamma delle finiture: cromata, dorata, ramata, brunita, ecc. Per la cornice dell’anta possiamo seguire uno stile moderno (coprifili sottili ed essenziali) oppure più tradizionale, con profili bombati e decorati. L’accortezza in più è quella di abbinare (nello spessore e nella finitura) la cornice al battiscopa.